Lo Stato ostaggio delle Regioni

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 39 del 15 marzo, ha dichiarato l’illegittimità del comma 3 dell’articolo 61 del Decreto Sviluppo (D.L. n. 5 del 2012) nella parte in cui dispone che, in caso di mancato raggiungimento dell’intesa richiesta con una o più Regioni per l’adozione di un atto amministrativo da parte dello Stato, il Consiglio dei Ministri, se ricorrono gravi esigenze di tutela della sicurezza, della salute, dell’ambiente o dei beni culturali ovvero per evitare un grave danno all’Erario, può deliberare motivatamente l’atto, anche senza l’assenso delle Regioni interessate.