Il fallimento è d’ufficio

La desistenza del creditore istante non scongiura il rischio del fallimento se il Tribunale trasmette gli atti al P.M.: è quanto stabilito dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con la sentenza n. 9409 del 18 aprile.