Il Fisco batte cassa ancora sul passato

Interpretare la legge è doveroso ciò che può disturba invece è che l’interpretazione sia retroattiva incidendo su contratti, bilanci, affidamenti e scelte di anni prima. te fatta propria dai giudici tributari. Così l’imposta sostitutiva per i contratti di finanziamento “oltre 18 mesi” sottoscritti all’estero, con una svolta repentina (risoluzione del 28 marzo), diventa dovuta – previo un trattamento “elastico” del Dpr 601 del 1973.