Il giudice «blinda» il preconcordato

Rafforzato il controllo del tribunale per evitare che la domanda in bianco danneggi i creditori LE REGOLE BASE Da settembre 2012 lo strumento permette di bloccare l’esecuzione anche prima di depositare la proposta e il piano Imporre ai debitori di mettere nero su bianco – fin da subito – la lista dei creditori e degli importi dovuti. Nominare un commissario giudiziale con il compito di smascherare le frodi. E rendere obbligatorie le informazioni sulla situazione finanziaria dell’impresa e sui passi fatti per mettere a punto la proposta e il piano. È giocando queste carte che il decreto “del fare” varato dal Governo cerca di vigilare sul concordato “in bianco” e, così, correggerne i possibili esiti distorti