Con la ragione pratica non c’è l’abuso di diritto

La Cassazione con la sentenza n. 19738 del 28 agosto 2013 ha stabilito che Il fisco non può contestare l’elusione fiscale al contribuente che ha sottoscritto un contratto non rispondente ai requisiti richiesti dalla legge se questo ha ragione pratica, al di là del risparmio d’imposta.