Per gli errori formali l’emendabilità è ampia

La Corte di cassazione che, con l’ordinanza n.19661 del 27 agosto 2013, ha stabilito che gli errori formali sulla dichiarazione dei redditi sono emendabili anche oltre il termine previsto dalla legge per l’integrazione. La decadenza sancita dall’articolo 2 del dpr 322 del 1998, infatti, scatta solo in caso di modifica della base imponibile.