Imu di dicembre in formato service tax

Sul tappeto sarebbero rimaste solo un paio di ipotesi. A cominciare da quella che prevede di adottare per il prelievo di dicembre gli stessi meccanismi di calcolo che scatteranno nel 2014 con la service tax. Si tratterebbe di una sorta di trasformazione dell’ultima rata Imu (che di fatto comunque scomparirebbe) nella prima rata della nuova tassa unica, da definire con la legge di stabilità, ipotizzata per il prossimo anno (in cui dovrebbe confluire anche la Tares seppure mantenendo un binario autonomo). Due punti della riforma sono ormai assodati: la rata di giugno, fin qui congelata, sarà completamente azzerata e dal 2014 scatterà la nuova tassa unica in formato service tax. Restano da superare due scogli: l’intervento sulla rata di dicembre e le definizione delle coperture.