Compensazioni tutte col visto

Visto di conformità per tutte le compensazioni superiori a 15 mila euro. L’obbligo non sarà limitato all’ambito dei crediti Iva ma esteso a quelli relativi alle imposte sui redditi, relative addizionali e ritenute alla fonte, imposte sostitutive e irap. Una stretta decisa (ieri contestata dalla Lapet) che potrebbe però presentare delle complicazioni di non facile soluzione sia per i contribuenti interessati dalle compensazioni che per i professionisti chiamati ad apporre la «conformità».