Rateazione non per tutti

La bozza di dm dell’Economia che attua il dl Fare Sono necessari reddito stabile o immobili Rateazione a dieci anni con Equitalia, ma non per tutti. Per la concessione dei piani di rateazione in 120 rate (straordinari), l’agente della riscossione deve tenere conto sia dell’impossibilità del debitore a eseguire una rateazione ordinaria che della solvibilità dello stesso, tenendo conto del possesso di un «reddito stabile» o di un immobile «non gravato» da ipoteche, sequestri o pignoramenti. Ciò emerge dalla lettura dello schema di decreto del ministro dell’economia e delle finanze, concordato con l’Agenzia delle entrate e con Equitalia spa, diramato lo scorso 29 ottobre dal dipartimento delle finanze – direzione legislazione tributaria e federalismo fiscale (prot. 23656), con la relativa relazione illustrativa.