Errore contabile rilevato dal Fisco, deduzione in salvo

Risoluzione n. 87/e dell’agenzia delle entrate. L’errore contabile non pregiudica il recupero del costo dedotto nell’anno sbagliato e ricondotto a tassazione a seguito di accertamento. I componenti negativi possono essere fatti valere anche se l’esercizio di corretta imputazione (secondo il principio di competenza) si è chiuso con una perdita fiscale. Prevale sempre, infatti, il diritto del contribuente a evitare la doppia imposizione. È quanto chiarito dall’Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 87/E di ieri.