Inammissibile l’appello dopo lo sgravio dell’ufficio

Per la Commissione tributaria regionale di Napoli è inammissibile l’appello presentato dall’ufficio delle Entrate dopo aver annullato in precedenza la cartella di pagamento (sentenza n. 288/39/13, depositata il 22 ottobre). Per i giudici tributari, infatti, l’appello proposto dall’ufficio è improponibile, a norma dell’articolo 329 del Codice di procedura civile, il quale dispone che l’acquiescenza risultante da accettazione espressa o da atti incompatibili con la volontà di avvalersi delle impugnazioni ammesse dalla legge ne esclude la proponibilità.