Mediatori creditizi con l’audit

È fissato comunque per tutte le società di Mediazione Creditizia l’obbligo di dotarsi di un sistema di controllo interno proporzionato alla propria complessiva organizzazione, sarà l’organismo, competente alla gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria, a fissare i limiti dimensionali entro i quali le società dovranno dotarsi di un vero e proprio audit interno. In attesa dei paletti che fisserà l’organismo, l’adempimento si applica alle società con più di venti dipendenti. Sono questi i criteri sulla gestione del rischio che individua il decreto del ministero dell’economia del 22 gennaio 2014 n.31 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 63 del 17/3/2014 ed in vigore dal primo di aprile. Il sistema di controllo interno dovrà garantire gestione e controllo dei rischi derivanti dall’inosservanza e dal mancato adeguamento alle norme di legge; la riservatezza e l’integrità delle informazioni e l’affidabilità delle procedure.