Pa, la e-fattura gioca d’anticipo

La fattura elettronica obbligatoria nei confronti di tutte le pubbliche amministrazioni, comprese quelle locali, per le quali la decorrenza era originariamente prevista, dal decreto ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013, il 6 giugno 2015, vedrà un’anticipazione al 31 marzo 2015, grazie al decreto IRPEF varato dal governo. L’anticipazione è prevista dall’art. 25 del decreto legge Irpef per assicurare l’effettiva tracciabilità dei pagamenti. È stato incrementato anche il contenuto informativo delle fatture trasmesse obbligatoriamente attraverso il Sistema di interscambio – Sdi, le quali dovranno riportare il Codice Informativo di Gara (Cig) e il Codice Unico di Progetto (Cup).