Tassazione mutui, nel contratto opzione per la sostitutiva

Da quest’anno sui finanziamenti e mutui, grazie agli effetti del decreto legge 145/2013 sarà possibile l’alternativa rispetto al regime ordinario. La tassazione dei finanziamenti bancari a medio/lungo termine per le imprese ha subìto una svolta radicale, passando da un regime obbligatorio e ineludibile di imposta sostitutiva (di regola, con l’aliquota dello 0,25%) a un regime opzionale, nel quale l’imposta sostitutiva consegue all’esercizio di una opzione, la cui mancanza provoca l’applicazione della tassazione “ordinaria”. Trattandosi di un regime opzionale, occorre fare i conti, caso per caso, tenendo in considerazione che l’imposta sostitutiva significa non scontare altro che lo 0,25% (oppure il 2%, se si tratta dell’acquisto della “seconda casa”) sull’importo erogato.

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?