Commercialisti revisori nei Comuni

Con la sentenza 02676/2014, il Consiglio di Stato con la sentenza 02676 del 2014 ha stabilito che è legittimo prevedere l’iscrizione dei commercialisti nell’elenco dei revisori dei conti degli enti locali, in quanto essi garantiscono terzietà e competenza, rigettando il ricorso proposto dall’Istituto nazionale revisori legali contro i provvedimenti del ministero dell’Interno e dell’Economia per l’istituzione dell’elenco dei revisori degli enti locali (Dm 15 febbraio 2012, n. 23) e per la presentazione delle domande (decreto direzione Finanza locale 5 giugno 2012) e contro l’avviso pubblico per l’invio delle istanze per la fase di prima applicazione della normativa («Gazzetta Ufficiale» 15 giugno 2012, n. 46). La revisione negli enti locali non è infatti disciplinata dal D.Lgs. 39/2010, di recepimento delle direttive europee, e dunque per i controlli negli enti locali non è necessario essere iscritti anche al Registro dei revisori contabili.