Detrazioni boom per i figli

Per il popolo dei 730 e del Modello Unico inizia una lunga maratona tra modelli da presentare, detrazioni e deduzioni da calcolare, insieme ai documenti di spesa da presentare al Caf o al commercialista. A beneficiare delle buone notizie sono soprattutto le famiglie che quest’anno si ritroveranno con più sconti per i figli a carico. Per loro, infatti, le detrazioni sono aumentate. È un modo per venire incontro ai nuclei più numerosi nel momento di crisi economica del Paese. In tempi di difficoltà economiche molti riscoprono anche le detrazioni per figli e familiari a carico o quelle per i figli che guadagnano poco. Una novità positiva di quest’anno, come si diceva, è l’aumento delle detrazioni per i figli a carico. L’importo delle detrazioni dall’Irpef lorda per i contribuenti che hanno figli a carico passa da 800 a 950 euro per ciascun figlio di età pari o superiore a tre anni e sale da 900 a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni. Inoltre è elevato da 220 a 400 euro l’importo aggiuntivo della detrazione per ogni figlio con disabilità. Nel caso di 4 o più figli a carico è prevista una ulteriore detrazione di 1200 euro applicabile come importo complessivo per tutti i figli. Va ricordato comunque che si tratta di detrazioni «teoriche» poiché l’importo della detrazione effettivamente spettante varia in base allo scaglione di reddito e diminuisce all’aumentare del reddito complessivo. Scaricare i bamboccioni L’età del figlio non è rilevante agli occhi del Fisco. Conta invece il suo reddito. la regola vale anche per quei figli che guadagnano pochissimo (reddito complessivo inferiore a 2.840,51 euro). Le detrazioni spettano, anche se questi non convivono con chi li dichiara a proprio carico e anche se sono residenti all’estero.

Lascio un commento

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?