TASI, si pagherà in date diverse

È questo il compromesso raggiunto ieri nel corso di un vertice al Tesoro tra i tecnici del Mef e quelli dell’Anci, e comunicato in serata In una nota del ministero dell’Economia di ieri, si fa riferimento alla necessità di lasciare la scadenza della Tasi al 16 giugno nei Comuni che hanno già deliberato o delibereranno entro venerdì 23 maggio l’aliquota 2014 della tassa sui servizi indivisibili, e farla slittare a settembre (probabilmente al 16) nei municipi che entro quella data non si saranno ancora pronunciati. Lo slittamento interesserà la stragrande maggioranza delle amministrazioni comunali: su 8.092 enti sono 1.010 quelli che hanno deciso l’aliquota della Tasi.