L’obbligo di Pos non elimina l’adeguata verifica

Il controverso obbligo di pagamento con Pos ha un impatto soft sulla normativa antiriciclaggio, infatti l’articolo 49 del d.lgs 231 del 2007, sugli adempimenti relativi all’uso del contante, stabilisce che è vietato il trasferimento a qualsiasi titolo di denaro contante o strumenti al portatore per importi pari o superiori a 1000 euro.  Si è pensato ad un divieto assoluto del contante, o quantomeno fino ai 30 euro, dato che la legge prevede l’obbligo di dotarsi di Pos per garantire ai clienti pagamenti con carte bancomat e prepagate (non di credito, poiché si parla di strumenti che funzionino «previo deposito di fondi in via anticipata da parte dell’utilizzatore») dai 30 euro in su. Inoltre, per i liberi professionisti contabili e legali, obbligati dalle norme antiriciclaggio alla cosiddetta “adeguata verifica” e alla registrazione di rapporti ed operazioni occasionali pari o superiori ai 15.000 euro su registro cartaceo dedicato, resta comunque l’obbligo della prima, mentre la registrazione dei pagamenti avverrebbe solo per somme pari o superiori ai 15.000 . Un problema invece ben più serio potrebbe porsi nel momento in cui il cliente voglia usare il Pos ma frazionare il pagamento in più tranche. Se l’acconto non supera i 1.000 euro, si potrà pagarlo in contanti. Ma il saldo dovrà avvenire per forza con Pos o assegno o bonifico, in quanto – trattandosi della medesima operazione, consulenza o rapporto continuativo che dir si voglia – se il cliente versasse dell’altro contante, superando il limite suddetto, potrebbe incorrere nel «cumulo» di cui sempre all’art. 49, comma 1, della legge antiriciclaggio, che usa l’avverbio «complessivamente».