Ecco la compliance preventiva

La bozza della manovra finanziaria per il 2015 prevede, un cambio di rotta nella strategia anti-evasione; anziché reprimere a posteriori le evasioni già realizzate, si prova a prevenirle agendo in anticipo rispetto agli adempimenti e alle scadenze fiscali. L’Agenzia delle Entrate, prima della scadenza dell’adempimento della dichiarazione annuale dei redditi, metta a disposizione del contribuente o del suo intermediario le informazioni in suo possesso relative ai ricavi o compensi, ai redditi, al valore della produzione e al volume d’affari imputabile, nonché agli oneri deducibili e alle detrazioni spettanti. Si tratta di un primo passo verso la dichiarazione precompilata, che dovrebbe debuttare dall’anno prossimo a favore dei contribuenti soggetti al modello 730.

Fonte: Italia Oggi – Imposte e tasse, Andrea Bongi, pag. 29