L’affitto d’azienda dribbla la crisi

L’affitto d’azienda può rappresentare una soluzione che consente di prendere tempo per individuare un possibile acquirente, nell’ipotesi in cui un’azienda sia in crisi, permettendo di non azzerare il business e di non far gravare sul nuovo gestore le passività del precedente imprenditore. L’accollo di passività da parte dell’affittuario, infatti, è escluso: Come anche sui debiti verso i creditori dell’azienda affittata, come si evince dall’art. 2212 del codice civile, secondo cui la sola corresponsabilità dell’affittuario è quella sui debiti pregressi verso i dipendenti. La responsabilità dell’affittuario sulle passività del locatore può essere disposta, dunque, solo in modo esplicito nel contratto di affitto. Per quanto riguarda i debiti tributari non è prevista alcuna responsabilità dell’affittuario: il Fisco può coinvolgere nel recupero di imposta e di sanzioni l’acquirente dell’azienda e il conferitario della stessa, non il locatario.

Fonte: Il Sole 24 ore – Norme e tributi, Paolo Meneghetti, pag. 29