Split payment, IVA in evidenza

Lo Split payment, previsto dall’art. 17-ter del D.P.R. n. 633/72, prevede che sulle cessioni di beni effettuate nei confronti degli enti pubblici l’IVA è riscossa dall’erario direttamente in capo agli acquirenti, anziché per il tramite dei fornitori: questi ultimi addebiteranno normalmente l’imposta agli enti cessionari/committenti, ma non la incasseranno, perché il pagamento del tributo all’erario sarà eseguito direttamente dai loro clienti. L’Agenzia delle Entrate, Con la circolare n.1/2015, l’Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti su questo particolare meccanismo di riscossione dell’Iva sulle forniture alla P.A., precisando, tra l’altro, che presupposto indefettibile per l’applicazione del meccanismo dello split payment è l’esistenza di una fattura che rechi evidenza dell’Iva; diversamente, il meccanismo non può applicarsi.

Fonte: Italia Oggi – Fisco, Franco Ricca, pag. 9